Archive for the ‘Narrazioni’ Category

N stories, V edizione

Anche quest’anno siamo riusciti a organizzare la nostra iniziativa di punta, un piccolo festival dedicato alle tecniche narrative di viaggio, nell’Alta Murgia, ad Altamura. Un evento volutamente di nicchia, che punta alla partecipazione attiva di chi è interessato a queste tematiche.

La scrittura di viaggio

“Desiderati da chi di turismo vive, siamo fonte di fastidio per chi fa altro e si sente espropriato perfino delle proprie strade,costretto a farsi largo tra i forestieri”.

Questo passo è preso dall’ultimo libro di Andrea Bocconi “io, altrove”, come sempre illuminante. Non farò spoiling del volume anche perché sto ancora ai primi capitoli e me lo sto gustando con calma.

Anticipo solo che Andrea sarà uno dei protagonisti della V edizione di n stories, il nostro evento dedicato alle tecniche narrative di viaggio, con un laboratorio di 7 giorni full immersion dal 21 al 28 agosto ad Altamura.

Continua a leggere

Viaggio ai tempi del covid – 21

21 – FINALE

“Ci pensate se le città iniziassero a spopolarsi a causa della pandemia?”, chiede Paolo.

“Magari accade il contrario, se i turisti non tornano magari tramonta il fenomeno degli affitti brevi, almeno come moda, e le persone potranno trovare un tetto anche nei centri storici delle città d’arte. Ve la immaginate Venezia che torna ad essere abitata e riprende dopo cinquant’anni un po’ di equilibrio?”, ribatte Uccio.

Continua a leggere

Viaggio ai tempi del covid – 20

20 – LE TRADIZIONI

Il giorno dopo la proprietaria si ripresenta con altre leccornie cucinate in casa con prodotti della zona, niente che si trovi di solito nei menu dei ristoranti locali.

Che delizie! Che profumi! Che tesori che offre questa terra! Per non parlare della capacità di cucinarli.

Tutti così i borghi dell’Italia interiore, preziosi scrigni per pochi intimi.

Foto di Francesca Raimondi
Continua a leggere

Viaggio ai tempi del covid – 19

19 – Prospettive

La giornata fu davvero piacevole.

Di per sé, la potrei definire una bella giornata trascorsa da turisti in cerca di benessere, che di sicuro sarà la nuova frontiera del turismo post covid.

foto di Gaetano Lofrano
Continua a leggere

Viaggio ai tempi del covid – 18

18 – LO SVILUPPO DEI BORGHI

Ordinati 4 amari di marche diverse, ce ne andammo sulla collinetta a parlare. Il primo fu Paolo.

“Ragazzi vi vorrei raccontare di aver fatto sfaceli ma la realtà, almeno al momento è diversa. Il covid rende tutti un po’ incerti nell’approccio, me compreso. Comunque evidentemente vi siete dimenticati che domani è il mio compleanno e vi stavo preparando una sorpresa, tutto qua”.

foto di Gaetano Lofrano
foto di Gaetano Lofrano
Continua a leggere

Viaggio ai tempi del covid – 17

17 – IL CESTO

Dopo pranzo vado a casa a farmi una pennica.

Nel pomeriggio, non saprei dire a che ora, sento toc toc, bussano discreti alla porta. Temo sia la proprietaria che è arrabbiata perché ho rotto lo scarico del bagno. Apro con circospezione la porta e appare infatti lei. Sono fregato, penso.

Continua a leggere

Viaggio ai tempi del covid – 16

16 – In tondo

La cena con i prodotti tipici della zona ci delizia.

Nel frattempo abbiamo risolto i problemi con l’auto e scacciato i timori di possibili sabotaggi, che pure qualcuno del gruppo aveva avanzato. Il meccanico ha risolto il problema in pochi minuti, costo dell’intervento minimo.

Foto di Francesca Raimondi
Continua a leggere

Viaggio ai tempi del covid – 14

LA RICERCA

La mattina seguente, con la giusta calma e dopo la necessaria colazione al bar in cui scopro l’esistenza di una bevanda frizzante al mandarino davvero ottima, ci infiliamo in auto per andare in cerca del terreno. Lino si è fatto spiegare dove dovrebbe essere.

Giro la chiave ma non succede nulla.

“Non parte”, dico perplesso a bassa voce.

“Come non parte?”, mi incalza Uccio che è un tipo preciso e non ama gli inconvenienti.

Continua a leggere

Viaggio ai tempi del covid – 13

LA SCOPERTA

Giunti in casa, noto come la polvere si sia depositata paziente ovunque per chissà quanto tempo. I mobili sono tutti di legno massiccio, come si usava un tempo.

La lettera è depositata sul tavolo, decisamente datata.

foto di Francesca Raimondi
Continua a leggere