Archive for the ‘Narrazioni’ Category

Viaggio ai tempi del covid – 14

LA RICERCA

La mattina seguente, con la giusta calma e dopo la necessaria colazione al bar in cui scopro l’esistenza di una bevanda frizzante al mandarino davvero ottima, ci infiliamo in auto per andare in cerca del terreno. Lino si è fatto spiegare dove dovrebbe essere.

Giro la chiave ma non succede nulla.

“Non parte”, dico perplesso a bassa voce.

“Come non parte?”, mi incalza Uccio che è un tipo preciso e non ama gli inconvenienti.

Continua a leggere

Viaggio ai tempi del covid – 13

LA SCOPERTA

Giunti in casa, noto come la polvere si sia depositata paziente ovunque per chissà quanto tempo. I mobili sono tutti di legno massiccio, come si usava un tempo.

La lettera è depositata sul tavolo, decisamente datata.

Continua a leggere

Viaggio ai tempi del covid – 12

VERSO LA CASA

Ci addentriamo fra i vicoli del centro storico lasciandoci alle spalle le sculture di un noto artista locale. La pavimentazione e anche quasi tutti i palazzi del centro sono di buona fattura estetica, si intuisce che devono essere arrivati ingenti fondi per un restyling generale.

Continua a leggere

Viaggio ai tempi del covid – 11

LA LETTERA MISTERIOSA

La mattinata trascorre nella polvere a sistmare scartoffie e pulire poi, fattasi una certa, andiamo a mangiare senza Lino, che decide di proseguire no-stop. Nel pomeriggio, mentre Uccio e Paolo si inerpicano sulla collinetta per ammirare il panorama, sì proprio quella del risveglio al sole, io vado in centro a fare acquisti.

Continua a leggere

Viaggio ai tempi del covid – 10

AL BAR

Il giorno seguente vado a far colazione in uno dei pochi bar del paese e mi rendo conto vieppiù della situazione che si è generata anche nei borghi a seguito del covid. Gli altri arriveranno a breve.

Sono poco distanti dalla piazzetta principale, Angela ce l’ha consigliato ed effettivamente si capisce che in tempi normali deve essere un luogo accogliente, con due ampie sala e tanti ninnoli affissi alle pareti che donano calore al tutto.

Ma neanche un tavolino.

Continua a leggere

Viaggio ai tempi del covid – 9bis

CHI HA IL DIRITTO DI SCEGLIERE

Su chi deve decidere cosa è la tradizione ne nasce una discussione nel mentre sorseggiamo l’amaro.

– Proviamo a vedere la situazione non dal nostro punto di vista, vi va?, chiede Paolo, che senza neanche attendere risposta prosegue: sia chiaro, io non sono dell’idea che bisogna abiurare alle nostre idee per rispettare gli altri. Però dico: se a casa mia si fa come dico io… a casa loro ci si adegua. Vi pare? Un po’ come quando entriamo in chiesa da turisti e non ci vogliono far entrare se siamo vestiti…

Continua a leggere

Viaggio ai tempi del covid – 9

LA TRADIZIONE

E’ ora di cena, ci siamo sistemati e, ovvio, si va a mangiare.

Ma dove? Che domande… al momento c’è solo un ristorante nel borgo e fortuna che ce n’è almeno uno, di questi tempi neanche è una certezza.

Qui come altrove, la presenza di operatori turistici è una scommessa che non tutti si sentono di fare, meglio il posto fisso, se c’è. O andare altrove ad aprire qualcosa.

Continua a leggere

Viaggio ai tempi del covid – 8

NEL BORGO

Eccoci qua, giunti nel borgo, dopo aver percorso un’ultimo tratto che dire ripido è un eufemismo, ci dividiamo: Lino, Uccio e Paolo vanno al bar a recuperare le chiavi di casa di Angela; io invece mi incontro col sensale e andiamo a conoscere la proprietaria della casa dove sarò ospite. La chiave è nella toppa, un classico dei piccoli paesi, un inno alla fiducia che mi fa sempre commuovere.

Continua a leggere

Viaggio ai tempi del covid – 7

VERSO IL BORGO

Ve li ricordate?

Quelle figure che ti aiutano a metterti in contatto con la persona giusta. Nel campo della ricettività alcuni di loro prima dell’avvento delle piattaforme di annunci web erano così preziosi in località meno note, che alcuni a furia di trovare posto ai turisti avevano poi aperto piccole agenzie immobiliari. Non credo esistano più, oramai il web la fa da padrona.

Continua a leggere

Viaggio ai tempi del covid – 5

ANDAR PER BORGHI

Dovevamo decidere quanto meno la zona che ci interessava, per restringere il cerchio. Poi ci saremmo affidati a qualche amico che vivesse nei dintorni, così da avere un quadro aggiornato della situazione pandemica.

Continua a leggere