Posts Tagged ‘turismo’

Una mia nuova rubrica sul turismo

Dopo aver scritto diversi articoli sulla situazione del turismo in Italia in questo periodo (e altri ne verranno), ho deciso di far partire una rubrica video che riprende i temi che tratto in questo blog, aggiornandoli con quanto nel rattempo è accaduto.

La rubrica viene pubblicata sulla pagina facebook della nostra associazione il Vagabondo e sull‘omonimo canale YouTube.

Ho deciso per il video perché strumento più semplice e immediato (anche se parlare guardando una telecamera non mi fa sentire a mio agio, sarà inesperienza…). Ma soprattutto perché nel frattempo sto finendo le bozze del mio nuovo libro sulla ricettività extralberghiera e locazioni brevi, che ho dovuto riadattare al mutato contesto. E stare sempre al pc anche no, specie in estate. Almeno col video registro in pochi minuti (come viene viene, non ho un regista che poi fa montaggio etc), più poco altro per aggiungere le schede iniziali (mentre per lo stacco iniziale ringrazio per la collaborazione Carla Latorre del Vagabondo).

Sarà una stagione difficile, sebbene in molte località si riuscirà nel complesso ad ottenere un discreto risultato, quanto meno per guardare con fiducia al prossimo anno. L’incognita covid19 sarà senza dubbio presente, il rischio di abbassare la guardia da un lato e i possibili focolai legati al turismo anche.

Più escursionismo? Mete cosiddette minori? Luoghi isolati? A giudicare dalle file (e assembramenti) ai moli di Napoli per le isole del golfo ci saranno situazioni diversificate. Staremo a vedere cosa accade davvero ora che è arrivato il solleone, polemiche politiche o giornalistiche a parte.

Seguiranno altri articoli in questo blog che poi dopo circa un mese verranno ripresi e aggiornati nella rubrica video; che dovrebbe avere cadenza settimanale, con uscita il giovedì; ma potrebbe anche essere che qualche settimana salta.

Se vi va seguitemi, commentate, inviate spunti.

Qualcosa comunque cambierà (9)

Le ultime news inerenti le riaperture delle frontiere regionali e nazionali da inizio giugno, mossa necessaria per dare speranza all’intero comparto turistico, rischiano di mettere in soffitta l’idea del turismo di prossimità. Ma anche alcune ipotesi legate alla sostenibilità rischiano di rimanere nel cassetto di qualche amministratore sognatore.

Eppure qualcosa a mio avviso cambierà. Voi che ne pensate?

Continua a leggere

8 – Turismo e interventi di Stato

Durante le audizioni nell’aula della Camera dei Deputati, il ministro con delega al turismo Dario Franceschini ha ricordato alcuni provvedimenti di cui ha beneficiato anche il settore turistico. Il fatto che non siano solo per il turismo ma trasversali è una cosa assolutamente logica, con buona pace di chi voleva un inutile stato di crisi o di chi quando legge le misure del governo se non trova scritto che sono ad hoc per il turismo si indigna non si capisce bene per quale motivo. Essendo la crisi trasversale, la gran parte delle misure è trasversale, ha un senso.

Continua a leggere

7 – Crisi del modello Airbnb?

Sulla Repubblica.it un articolo di Riccardo Luna sulla crisi di AirBnB mi fa tornare a mente il mio volume che sarebbe dovuto uscire nei mesi scorsi, ma che la pandemia ha reso non necessario al momento. Uscirà appena sarà il caso, intanto mi sembra giusto tornare sull’argomento, con una riflessione attuale.

Continua a leggere

6 – Cambierà il turismo?

Mentre gli imprenditori premono per poter avere indicazioni chiare quanto prima per la ripartenza, in uno scenario europeo confuso dove ognuno fa quel che meglio crede, il turismo è il settore che più rischia da questa mancata chiarezza comunitaria. Ci si chiede intanto se la pandemia comporterà dei cambiamenti nel turismo o se questa situazione sarà solo una parentesi prima del ritorno alla “normalità”.

Continua a leggere

5 – Lo scenario pragmatico

Con l’arrivo del bel tempo i media e i siti specializzati rilanciano l’annoso dilemma del che fare quest’estate. Uno degli scenari possibili è che sarà possibile attivare forme di turismo capaci di assecondare le norme che verranno decise; affidandosi poi alla divina provvidenza che non accada nulla, più che alla scienza.

Continua a leggere

4 – Turismo vs paura

Se c’è un aspetto davvero positivo del turismo è che per poter essere vissuto come esperienza particolarmente significativa e globale abbisogna di pace e di fiducia. Non trovate? Senza fiducia non ci sarebbe e non ci sarà turismo. Riflettiamoci assieme.

Continua a leggere

3 – Sul turismo di prossimità

Si viaggerà nell’estate 2020? E come? Se lo chiedono albergatori, gestori degli stabilimenti balneari e via dicendo. Ma anche chi comunque qualche giorno di vacanza se lo vorrebbe pur fare, perché se è vero che la maggior parte degli italiani non sta lavorando e ci sarà da faticare, quando ci saranno quaranta gradi almeno qualche weekend ce lo vorremmo concedere. Ma sarà sicuro?

Continua a leggere

2 – Il turismo e la fase 2 (sperimentale)

Il turismo, o meglio alcuni limitati settori legati al turismo, saranno inclusi nella imminente fase 2, magari come test su piccola scala; o bisognerà attendere un’eventuale fase 3? Non mi riferisco a come lo intendevamo fino ad ieri, ovvio, non ora almeno. Ma a mio avviso sarebbe positivo se ad alcune attività fosse permesso di riaprire, anche solo a livello locale e solo nelle zone dove i numeri sono minimi, facendo leva sulla necessità di recuperare forma fisica e benessere psicologico, dopo oltre un mese di quarantena.

Continua a leggere

Il turismo che (forse) verrà – 1

Nell’Italia ancora immersa nella fase 1 e spaccata fra un nord ovest che continua a sfornare nuovi contagiati e un centro sud dove non si registra alcuna particolare criticità ma pesa il dubbio dei pochi tamponi effettuati e della tenuta della sanità, il settore del turismo è e resta quasi interamente bloccato. Come si prospetta il futuro? Ecco il primo di una serie di mie riflessioni sull’argomento.

Continua a leggere